ECOVILLAGGIO IN TRENTINO

Da anni sento girare questa voce… ne sono pieni i forum, ma poi tutto finisce: perché?

Gli immobili in Trentino sono carissimi, anche terreni e vecchi masi. Inoltre il trentino – inteso come abitante – è già a contatto con la natura, la vede da vicino, l’annusa, la sfiora, a volte la tocca…

Eppure non sarebbe bello creare un ecovillaggio sulle montagne trentine? Vivere in mezzo ai boschi coltivando quel poco che basta a una dignitosa sopravvivenza e dedicare il resto del tempo alle proprie passioni?

Sarebbe un po’ come tornare bambini e poter esplorare nuove territori misteriosi

How grape vines are grown in Trentino, Italy I...

How grape vines are grown in Trentino, Italy Italiano: Il modo in cui i vigneti sono crescuti su pergole in Trentino, Italia (Photo credit: Wikipedia)

Ma cos’è un ecovillaggio?

Un’esperienza comunitaria. Ne esistono svariati esempi in tutto il mondo, ognuno con le proprie regole. Ci sono ecovillaggi con strutture gerarchiche e altri dove ogni ruolo è affidato ai tutti i membri, a rotazione. Ci sono ecovillaggi in cui tutto è condiviso, anche la stanza da letto e altri dove vige un’autonomia abitativa.

Tempo

Tempo (Photo credit: Claudiana2008)

Il mio sogno è vivere in un contesto di ecologia, maggior equilibrio e mutuo aiuto, ma senza intaccare il diritto di ogni persona ad autodeterminarsi e senza per forza aderire a un unico pensiero di gruppo: condivisione di ideali forti come principio di fondazione e occasione di legame tra il gruppo, ma mantenimento allo stesso tempo dei propri spazi. Ognuno dovrebbe avere la propria “casetta” (in legno, paglia, pietre, terra o come preferisce), la propria spiritualità, la propria scelta alimentare (vegetariano, vegan e – perché no – anche onnivoro), il proprio percorso di vita, la propria scelta educativa riguardo a come allevare i propri figli, i propri tempi… Sono infatti convinto che le differenze siano un arricchimento e non una minaccia: quindi che senso avrebbe appiattire la propria individualità all’interno di un ecovillaggio?

Perché accada tutto ciò non devono esistere dinamiche di potere: né da parte di chi aspira a comandare per mancanza di autostima, né da parte di chi tende a farsi guidare per mancanza di autostima.

Pergine Valsugana (Italy): panorama of lake Ca...

Pergine Valsugana (Italy): panorama of lake Canzolino Italiano: Pergine Valsugana (Italia): panorama del lago di Canzolino (Photo credit: Wikipedia)

In un approccio olistico al nostro essere, due sono i nostri emisferi e non debbono per forza essere contrapposti: per cui assieme all’emozione e la bellezza di sognare un’esperienza del genere, è necessario e fondamentale usare anche la parte razionale per prendere consapevolezza di ciò che desideriamo veramente.

Organizzare un ecovillaggio è piuttosto difficile e merita una giusta riflessione, ma allo stesso tempo è un grande gesto d’amore verso se stessi che andrebbe accontentato, e non spento sul nascere.

Marmolata seen from the Pordoijoch , South Tyrol

Marmolata seen from the Pordoijoch , South Tyrol (Photo credit: Wikipedia)

Annunci

NON PROCRASTINATE: DECOSIFICATEVI!

Come ho più volte ribadito, l’universo esteriore non è altro che lo specchio della nostra interiorità: le persone antipatiche sono lati del nostro carattere, le guerre sono contraddizioni interne… mai sentito parlare dei neuroni specchio?

Il disordine in una casa, in ufficio, in macchina… genera malessere in chi lo “abita”, perché impedisce la concentrazione e il riposo: il subconscio continua a lavorare e pensare a cosa farsene di tutta quella roba! E anche a livello conscio il pensiero superficiale non può concentrarsi su ciò che più ci piace continuando a vedere e prendere consapevolezza di tutto il disordine che ci circonda…

E allora che fare? Non procrastiniamo più: riordinare un ambiente è una vera e propria terapia antistress! Si crea spazio fuori e quindi anche dentro; si riporta ordine fuori e quindi anche dentro; ci si purifica dal caos quotidiano fuori e quindi anche dentro; si ritrova pace e benessere nei luoghi in cui stiamo e quindi anche dentro, nella mente superficiale. Svuotando quest’ultima ci possiamo addentrare con più facilità nella mente profonda.

Mount Everest (topgold)

Mount Everest (topgold) (Photo credit: Wikipedia)

Parole d’ordine: DECOSIFICAZIONE e NON-PROCRASTINAZIONE.

Dobbiamo smettere di pensare (“sì, un giorno butterò via tutta questa roba, farò pulizia… regalerò i vestiti vecchi alla caritas… laverò l’auto…”) e iniziare ad agire. Affrontiamo gli impegni subito e liberiamocene, così non ci penseremo più evitando di sprecare tempo ed energia, ovvero le due cose più importanti che abbiamo. Scavalchiamo le nostre paure una volta per tutte e non ci faranno più paura! 😉 Quando prendiamo una decisione, è presa. Iniziamo dalle cose che ci appaiono più impegnative (in realtà difficilmente lo saranno) così poi fare le altre ci parrà una passeggiata. E ora la cosa più importante: INIZIAMO!!! Anche l’Everest lo si scala cominciando dal primissimo passo: è questo il segreto: agire!

Svuotando le mie tasche...

Svuotando le mie tasche... (Photo credit: Wind&Wuthering)

Riordinare la casa è un primo passo importante e lo si può fare secondo i principi del feng shui, ovvero secondo un’antica tecnica taoista.

Cominciamo osservando: in quale ambito della vostra vita regna più confusione? Ogni punto cardinale è collegato con la vita che conduciamo. Riordiniamo quindi “a zone cardinali.

Partiamo riordinando la stanza a Sud: così facendo aumentiamo le opportunità di prosperità.

Una cura particolare nel riordinare ciò che si trova a Est va riposta in caso di problemi di salute: l’ideale, dopo aver rimesso tutto a posto, è posizionare qui delle piante verdi (cactus, bamboo…) e avere cura nell’innaffiarle come se nutrissimo noi stessi.

Il settore Nord è legato al lavoro e alla realizzazione.

La vita affettiva e i rapporti interpersonali dipendono dall’Ovest.

Ora spegniamo il PC e iniziamo ad agire! 🙂

 

 

COSTRUIRE CASE (QUASI) GRATIS

Uno dei modi in cui ci fregano la vita è obbligarci al lusso di una casa classica: esistono tante alternative economiche!